Adolescente

I due grandi problemi dell’adolescenza sono: trovarsi un posto nella società e, allo stesso tempo, trovare se stessi.”

Bruno Bettelheim

Cos’è l’adolescenza?

L’adolescenza è un cruciale periodo della vita, caratterizzato da cambiamenti fisici, psicologici, emotivi e sociali. Si può far coincidere l’inizio di questa fase allo sviluppo puberale.

L’adolescente si trova a fronteggiare una serie di cambiamenti che destrutturano i vecchi modelli di pensiero e di azione, legati alla fanciullezza, per costruirne di nuovi che dovrebbero aiutarlo a transitare verso lo status sociale di adulto. La persona deve quindi superare una fase di “lutto”, perdita della vecchia immagine di bambino, per acquisirne una nuova di giovane adulto.

Questo processo evolutivo, fondamentale per la strutturazione della propria identità, avviene in maniera naturale, inserendosi nella storia di vita del soggetto. Può però accadere che tale processo, per vari motivi legati al contesto bio-psicosociale, non segua un andamento fluido, generando conflitti interni o interpersonali.

Quali difficoltà possono sorgere?

  • Difficoltà ad affermare la propria personalità
  • Conflittualità con i genitori
  • Disfunzioni nell’alimentazione
  • Difficoltà a riconoscere con chiarezza i propri obiettivi di vita
  • Problemi scolastici
  • Autolesionismo
  • Sofferenze sentimentali
  • Disagio nelle relazioni sociali
  • Disagio rispetto ai cambiamenti del proprio corpo
  • Dubbi sulla propria identità sessuale
  • somatizzazioni
  • Rabbia e aggressività

Chi sono i soggetti interessati?

L’intervento terapeutico è diretto sia agli adolescenti che alle loro famiglie.

I cambiamenti che vive l’adolescente si ripercuotono inevitabilmente sul sistema di appartenenza, appunto quello familiare, non è infatti raro che siano i genitori a soffrire maggiormente del mutamento in atto, facendo fatica ad accettare il cambiamento e avvertendo un forte senso di frustrazione, anche in relazione al fatto di vivere la sensazione di non riuscire ad aiutare il ragazzo.

Diviene quindi fondamentale una prima fase diagnostica che permetta di comprendere quali mutamenti stiano maturando all’interno del contesto familiare e chi siano le persone direttamente o indirettamente coinvolte.

Obiettivi dell’intervento terapeutico

Il nostro intervento mira ad offrire un servizio di aiuto ed ascolto a tutti coloro che direttamente o indirettamente sono coinvolti in questa fase di vita così importante e delicata che si concluderà con la formazione dell’adulto di domani.

Come avviene l’intervento?

FASE INIZIALE comprensiva di tre incontri: inquadramento psicodiagnostico della problematica attraverso colloqui e test specifici che forniscono utili informazioni riguardo l’adolescente e le dinamiche del suo entourage.

Al termine del IV colloquio: definizione condivisa degli obiettivi e strutturazione di un programma per il conseguimento di questi. Gli obiettivi possono essere raggiunti attraverso un percorso di sostegno, orientamento e/o psicoeducazione verso l’adolescente, i genitori, o entrambi.

Valutate queste nostre proposte

NEL CASO IN CUI

Dammi la mano

Dammi la mano

È possibile considerare la famiglia come una palestra di vita, essa costituisce il primo ambiente dove l’individuo sviluppa

Clicca qui

Uniti si vince

Uniti si vince

Sempre più spesso tramite i giornali e la tv si sente parlare di questo fenomeno… il bullismo. Leggiamo delle conseguenze

Clicca qui

Trovati!

Trovati!

Gli specialisti del “KI – Centro Specialistico per la Persona – ” credono

Clicca qui

Si può fare

Si può fare

Il programma “Si può fare” è un’ iniziativa studiata appositamente per i ragazzi che prevede la

Clicca qui